Ma Ibra quale esempio dà?

Ibrahimovic 2

La campionessa olimpionica Josefa Idem prende posizione sulle memorie del calciatore svedese che fanno discutere

Josefa Idem, 47 anni, la campionessa di canoa che a Londra 2012 parteciperà all’ottava Olimpiade, riprende la sua collaborazione con la Gazzetta dello Sport.

A costo di passare per moralista noiosa, trovo sbagliata la chiave di lettura che in questi giorni si dà del libro in uscita di Ibrahimovic. Voglio chiarire subito: del campione granitico che Ibra è, della grinta e della determinazione che lo contraddistinguono, ho grande rispetto.

Tuttavia, mettendo troppa enfasi, com’è successo con le recenti anticipazioni, sulle sue bravate “facevo anche 325 chilometri all’ora” e sulle sue bevute, passa un messaggio sbagliato verso i giovani. E questo in un momento in cui c’è piuttosto bisogno di messaggi e modelli positivi e costruttivi.

Quante volte leggiamo nei giornali di ragazzi in coma etilico, di incidenti causati da giovani per eccesso di velocità e consumo di alcool! Quante volte condanniamo questo stile del sabato sera, quante volte ci chiediamo impotenti come poter porre rimedio, per poi leggere in caratteri cubitali che proprio questo atteggiamento passa per “ganzo” perché assunto da un campione sportivo come Ibra. Forse è soltanto una mia impressione, ma sembra quasi che lui abbia vinto, nello sport e nella vita, grazie e questa condotta. Invece è esattamente il contrario: ce l’ha fatta nonostante quei comportamenti.

E purtroppo non finisce qui perché poi ci sono anche le polemiche su Guardiola, frutto e promotore allo stesso momento del sistema Barcellona che è il Modello per i valori che lo sport può esprimere perché garante di grandi prestazioni in una cornice esemplare di correttezza e fair play. Insomma, dove andiamo a finire se ci deve ispirare chi ridicolizza una persona come Guardiola che non è mai sopra le righe, né con le parole né coi comportamenti?

Credo che vada fatta chiarezza. Condannando i ragazzi spacconi e non prendendo le distanze dalle rivelazioni di Ibrahimovic forniamo un alibi a comportamenti scorretti e troppe volte pericolosi.
Se poi ridicolizziamo persino gli esempi positivi alimentiamo un mondo dai valori capovolti. E visti i tempi che corrono non è proprio ciò che ci vuole.

Pubblicato nell’edizione del 10 novembre 2011

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: